La festa è già finita?

Mag 1, 2024MacroEconomia

Prendendo spunto da interessanti analisi della testata Barron’s del Wall Street Journal, il sicuro ribasso dei tassi potrebbe incontrare alcuni ostacoli dettati dall’agenda politica americana.

Il 2024 è un anno decisivo per gli assetti politici sia in Europa che negli USA.

I sondaggi per ora, se rispettati, esprimono un netto cambiamento di orientamento politico e quindi anche di approccio economico.

La vittoria degli schieramenti conservatori- liberali dovrebbe avere conseguenze anche su spesa pubblica e tassi di interesse.

In effetti Harley Bassmann socio amministratore di Simplify Asset Managementci descrive le tappe elettorali che condizionano i Presidenti delle banche centrali (soprattutto quella USA e quindi la FED).

“La Fed ha sorpreso i banchieri per ragioni che hanno molto a che fare con il motivo per cui penso che ora sia intrappolata. La Fed dice che non prende decisioni basate sulla politica o sull’ego; ma per favore permetti a un cinico di non essere d’accordo. Gli ultimi anni sono stati pieni di casi in cui la Fed ha preso decisioni che hanno senso solo quando si inserisce la politica nel quadro.”

Ed ancora: “Per quanto la Fed affermi spesso che i suoi funzionari “apprezzano la loro indipendenza”, in realtà è un braccio diretto del governo. I politici della Fed sono funzionari governativi. Hanno a cuore il loro avanzamento di carriera, la loro reputazione e la loro eredità: in una parola, la politica. … Per quanto riguarda le riduzioni dei tassi, Powell probabilmente imiterà gli ordini di William Prescott nella battaglia di Bunker Hill: “Non sparare finché non vedi il bianco dei loro occhi” poiché vuole la certezza dei dati che l’inflazione sia stata controllata prima di ridurre significativamente i tassi. tasso ufficiale. Ciò fa sembrare improbabile un taglio dei tassi a maggio.

Dopodiché il calendario politico rappresenta un enorme ostacolo con la Convention repubblicana fissata per il 15-18 luglio e la Convention democratica subito dopo, dal 19 al 22 agosto.

Potremmo quindi aspettarci la prima data utile a giungo per una riduzione scontata dei tassi USA e poi stare sotto coperta con le obbligazioni fino a fine anno cioè dopo l’elezione del Presidente.

Le obbligazioni in generale quindi non avranno grandi spinte rialziste finché per lo meno le aspettative di ribasso dei tassi non siano quasi del tutto confermate.

Questo significa che nell’ottica di costruzione di portafogli obbligazionari c’è ancora tempo per accumulare posizioni sui tassi fissi con duration lunghe. Ovviamente questa scelta va fatta in base agli obiettivi di investimento e al grado di rischio che i singoli investitori sono disposti a sopportare.

Governative o corporate?

Entrambe in una diversificazione rischio emittente ma le corporate con la riduzione dei tassi hanno anche un miglioramento del conto economico sottostante che dovrebbe renderle più appetibili e il loro prezzo quindi salire a cusa di un rafforzamento patrimoniale.

Anche in questo caso serve prudenza nella scelta del titolo giusto oppure in alternativa affidarsi ad un buon tracker come un ETF di settore.

Ricorda che gli investimenti comportano sempre un certo grado di rischio, e non esiste una strategia che garantisca profitti sicuri. È importante adottare un approccio equilibrato, diversificato e adattato alle tue esigenze finanziarie specifiche. Inoltre, consulta sempre un professionista finanziario per ottenere consigli personalizzati in base alla tua situazione.

  • Se vuoi saperne di più puoi leggere il libro che ho scritto proprio su questi argomenti cliccando qui: La finanzata ideale

 

“Quest’articolo è stato scritto a titolo esclusivamente informativo; non costituisce sollecitazione, offerta, consigli, consulenza o raccomandazione all’investimento in quanto tale non vuole incentivare in nessun modo l’acquisto di assets. Ricordo che qualsiasi tipo di assets, viene valutato da più punti di vista ed è altamente rischioso e pertanto, ogni decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell’investitore”

Related Blogs